Come affrontare la disinfezione nei casi di emergenza?

In Disinfezione e pulizia, News da MaS0 Comments

Stiamo vivendo tutti, in Italia e nel Mondo, un periodo di tensioni e preoccupazioni legate all’emergenza sanitaria dovuta al Corona Virus (o meglio, Co-Vid 19), alla sua rapida diffusione e all’incertezza sulle conseguenze che questa diffusione avrà sulle nostre vite.

Il nostro lavoro quotidiano, teso al miglioramento della qualità e sicurezza all’interno delle strutture sanitarie ci ha portato alla ricerca tempestiva di un’opportunità per cercare di contenere l’emergenza sanitaria.

Abbiamo trovato un sistema molto interessante per la disinfezione degli ambienti, in particolare delle ambulanze.

Il sistema, permette di applicare a caldo, attraverso il vapore, il prodotto disinfettante (Adantium Plus) su qualsiasi tipo di superficie ed attrezzatura per un efficace trattamento a 360° dell’ambiente  e si contraddistingue per efficienza, efficacia, semplicità e velocità di uso.

In merito al prodotto disinfettante, la diluizione consigliata per le operazioni standard di disinfezione, è di un flacone da 25 ml diluito in 2 litri di acqua demineralizzata (aumentabile ad un flacone per litro in caso di trattamento di decontaminazione maggiormente intensivo).  Tale quantità di disinfettante è utile per circa un’ora di utilizzo (10 mezzi di soccorso 500/1000 mq, in ragione della tipologia di intervento prescelta).

Il tempo necessario per il trattamento completo di un’ambulanza (cellula sanitaria e vano guida) è di circa 8 minuti ed il mezzo può essere immediatamente riutilizzato.

Sicuramente è un’occasione commerciale, ma in questo particolare periodo, vorremmo che fosse anche un’attività socialmente utile, un nostro contributo al contenimento del VIRUS!
Il sistema non ha costi elevatissimi e non è nostra intenzione quella di lucrare sulla salute delle persone, ma poter offrire un servizio indispensabile al contenimento delle infezioni.

Per qualsiasi informazione in merito, siamo disponibili ai nostri soliti recapiti.

Lascia un commento